Clepsydra Edizioni

Marina Pizzi – Segnacoli di mendicità


Continuamente in sacrificio questa donna incarnata nella poesia di Marina Pizzi; una donna fragile, quanto forte nelle sue idee a pronunciarsi, parte di un mondo “tra storie andate a male”. Continuano così le immagini a delineare questo disagio: “alla cimasa piange il pettirosso / quelle cerase belle senza tocco”, “dove il varo delle rondini non serve / a far felice un discolo”, “in mano alla rondine del boia / l’ordine è chiudere le palpebre”. La donna è un corpo “di danni di anemoni morti”, un continuo ascendere e discendere nell’animo di forti sensazioni e gradazioni di bene e male che l’avvolgono. C’è sempre un interlocutore fermo che fa parte di questa poesia, qualcosa di cercato, un uomo infranto o parte infranta di una donna più forte, “sprigionata dal giogo della mina”. Il tempo di questa poesia è un calco consumato, tenuto in piedi da una resina dove si incollano i respiri ed i limiti, tutte le cose che creano questo mondo intensamente sconvolto, dalla prigionia, dalla morte dei sentimenti, dall’assenza di questo interlocutore che c’è e manca, dal mantenimento di queste penombre che continuano a scendere tra davanzali anneriti e tempi passati. Tutto il linguaggio utilizzato, i termini, le immagini, richiamano continuamente una scrittura pacatamente studiata e pensata a trafiggere l’animo e studiare di questa poesia, ogni radice che la coinvolge e la costruisce, nella sua totale creazione carnale e viva.


Marina Pizzi è nata a Roma, dove vive, il 5-5-1955. Ha pubblicato i libri di versi: “Il giornale dell’esule” (Crocetti 1986), “Gli angioli patrioti” (ivi 1988), “Acquerugiole” (ivi 1990), “Darsene il respiro” (Fondazione Corrente 1993), “La devozione di stare” (Anterem 1994), “Le arsure” (LietoColle 2004), “L’acciuga della sera i fuochi della tara” (Luca Pensa 2006), “Dallo stesso altrove” (La camera verde, 2008); Le plaquettes “L’impresario reo” (Tam Tam 1985) e “Un cartone per la notte” (edizione fuori commercio a cura di Fabrizio Mugnaini, 1998); “Le giostre del delta” (foglio fuori commercio a cura di Elio Grasso nella collezione “Sagittario” 2004). Suoi versi sono presenti in riviste, antologie e in alcuni siti web di poesia e letteratura. Ha vinto due premi di poesia. Nel 2004 e nel 2005 la rivista di poesia on line “Vico Acitillo 124 – Poetry Wave” l’ha nominata poeta dell’anno. Marina Pizzi fa parte del comitato di redazione della rivista “Poesia”. E’ tra i redattori del litblog collettivo “La poesia e lo spirito”, collabora con il portale di cultura “Tellusfolio”.Sul Web si possono trovare diverse raccolte inedite tra cui “La passione della fine”, “Intimità delle lontananze”, “Dissesti per il tramonto”, “Una camera di conforto”, “Sconforti di consorte”, “Brindisi e cipressi”, “Sorprese del pane nero”, “L’acciuga della sera i fuochi della tara”, “La giostra della lingua il suolo d’algebra”, “Staffetta irenica”, “Il solicello del basto”, “Sotto le ghiande delle querce”, “Pecca di espianto”, “Arsenici”, “Rughe d’inserviente”, “Un gerundio di venia”, “Ricette del sottopiatto”, “Dallo stesso altrove”, “Miserere asfalto (afasie dell’attitudine)”, “Declini”, “Esecuzioni”, “Davanzali di pietà”, “Plettro di compieta”, “L’eremo del foglio”, “L’inchino del predone”; il poemetto “L’alba del penitenziario. Il penitenziario dell’alba”.
Sue poesie sono state tradotte in Persiano, in Inglese, in Tedesco.
Sul Web cura i seguenti blog(s) di poesia:
http://marinapizzisconfortidico.splinder.com/=Sconforti di consorte
http://marinapizzibrindisiecipr.splinder.com/=Brindisi e cipressi
http://marinapizzisorpresedelpa.splinder.com/=Sorprese del pane nero
*
Si ringrazia per la realizzazione di questo ebook Luca Rossato, fotografo della foto di copertina. http://www.lucarossato.com/
Advertisements

Fernando Marchiori

BIBLIO / FERNANDO MARCHIORI

Posted: 04 May 2009 06:23 AM PDT

Fernando Marchiori, Con i poeti, Brescia, L’obliquo 2008
Leggo sempre con interesse i lavori dei giovani studiosi che si dedicano alla letteratura contemporanea. Fernando Marchini mi manda la sua pubblicazione Con i poeti che tratta dei seguenti argomenti: nei dintorni di Planaval con Stefano Dal Bianco, Mario Benedetti: pensare che si guarda, Marco Ferri e la Terra disabitata, Elegie istriane di Ugo Vessilizza, Le poesie a mezz’aria di Attilio Pollini, la scrittura come teatro di Giuliano Scabia, Fabio Pusterla dalla terra di nessuno all’altra lingua.  Lo studioso, del resto, «conduce le sue ricerche all’incrocio tra le letterature comparate e le arti performative, con particolare attenzione alla scena novecentesca e all’antropologia teatrale».
A proposito di poesia con Carmelo Bene — si dice in quarta di copertina  — occorre interrogarci: «Quali strade percorre la poesia per incontrarci, per rivelarsi come la nostra stessa voce che […] ci parla nell’orecchio in pieno mercato? Oppure è la poesia che si fa strada e i versi chiedono di essere percorsi: per portarci dove?».
A prescindere dall’acume critico di Marchiori e dal contenuto del testo, mi si conceda di esprimere una riflessione sul concetto della «poesia che si fa strada e i versi chiedono di essere percorsi». Si sentono spesso ripetere espressioni come «il linguaggio ci parla», «siamo strumenti del linguaggio», espressioni come «la poesia usa la penna del poeta per rivelarsi», quasi ammodernamento della metafora classica della Musa ispiratrice di platonica memoria, di cui il poeta è solo lo strumento. Se esiste il linguaggio come realtà ontologica, non esiste neppure la “poesia-in-sé”, esiste solo il linguaggio pensato, il linguaggio pronunciato, il linguaggio scritto. La desaussuriana langue altro non è che un’esangue grammatica o un inerte vocabolario e cioè una convenzione che virtualmente sottoscriviamo ogni volta che subiamo il processo di acculturazione e tutte le innovazioni che il grande autore apporta non è che una goccia in un mare magnum. È la parole che si attua, vive, opera.
I versi non ci «chiedono di essere percorsi», sono le creature in carne e ossa, creature sofferenti e pensanti che fanno esplodere il loro mondo nella struttura, nella musica  nel ritmo del verso: è l’uomo che crea, non la struttura (Giuliano Ladolfi).

Pubblicato da AtelierPoesia | Commenti

Mezzago ArtiFestival


POESIAPRESENTE 2009

MEZZAGO ARTIFESTIVAL
Poesia, musica, teatro, arte nel centro storico di Mezzago

Mezzago, Centro storico
Domenica 10 maggio ore 14.00-19.00

Domenica 10 maggio ci sarà “la carica dei duecentouno creativi” al “Mezzago Artifestival” promosso dalla Pro Loco di Mezzago. PoesiaPresente curerà sei delle sedici postazioni dedicate alla poesia, alla musica, all’arte e al teatro che, in contemporanea dalle 14 alle 18, animeranno le strade e le corti del centro storico.

Domenica 10 maggio il centro storico di Mezzago (MeB) sarà chiuso al traffico, le strade e le corti saranno invase da circa duecento poeti, artisti, attori e musicisti, affermati e in erba, provenienti da più parti d’Italia.
Sei le postazioni a cura di PoesiaPresente che, insieme ad altre dieci, animeranno dalle 14 alle 18 in contemporanea il centro storico di Mezzago:

1-“Camera Mix”, poesia, musica e videoproiezioni da capogiro, con Alessandro Ansuini, Jerome Walter (Francia), Enrico Masi;
2- “Come non ghetto!”, la strada come luogo sociale di aggregazione, a cura di Eleonora Matarrese e Cristina Spagna;
3- “Scuole Medie di Mezzago & Ensemble Danno Compound” (10 batteristi) a cura di Dome Bulfaro e Ivan Fedeli;
4- “Street Art & Street Poetry” postazione mobile di scorribande artistiche e poetiche della Carovana dei versi;
5- “La strada e la poesia” della Banda diversi abrigliasciolta con musicisti, poeti, autori ed artisti tra i quali Sandro Sardella, Francesca Genti, Metello Faganelli, Anna Consolo, Maria Soresina, la Scuola Musicale Giò Rossi, le musiciste Caterina Soresina e Mira Cantù.
6- “Body Painting Lab”, laboratorio di pittura dal vivo sul corpo a cura di Alessandro Solfrizzo, con gli allievi di “Sponte”, Scuola di Arti Espressive che dipingeranno il volto dei passanti che vorranno affidarsi alla loro arte.

Dalle 18 alle 19 la kermesse proseguirà con l’aperitivo in Palazzo Archinti e il concerto live “Musica da cucina”: sonorità tecnologiche, pentole, posate, teiere, per una musica raffinata quanto sbalorditiva, arricchita dal violoncello di Francesca Giomo.

INFORMAZIONI
info@poesiapresente.it – tel. 039/2304329 – 347/0685951 – 340/2880586

organizzazione: Pro Loco di Mezzago/ Mille Gru ass. culturale
In collaborazione con: Città di Mezzago; Pro Loco di Mezzago
Con il patrocinio e il sostegno di: Provincia di Milano, progetto Monza e Brianza
Con il contributo Fondazione Monza e Brianza onlus
Partecipazioni: Abrigliasciolta (Varese)
Sponsor: Banca Popolare dell’Emilia Romagna; Energy Saving. Management consultants

Tecniche di ricerca nel web per traduttori

Giacobaus s.a.s. e Michael Farrell sono lieti di presentare la quarta edizione milanese del seminario esclusivo:

TECNICHE DI RICERCA NEL WEB PER TRADUTTORI e IntelliWebSearch
MILANO – SABATO 13 GIUGNO 2009 – orario 10:30/12:30 – 13:30/16:00 –

SEDE: Via Tolmezzo 12/A, Milano (zona P.za Udine). È raggiungibile tramite MM Linea 2, verde, fermata Udine. Via Tolmezzo si affaccia su P.za Udine.

Oggi il traduttore ha a disposizione una straordinaria fonte d’informazione e consulenza: Internet. Il WEB è l’assistente a portata di mano che consente al traduttore di trovare rapidamente soluzioni terminologiche, spiegazioni e informazioni che prima dell’avvento di Internet implicavano lunghe e faticose ricerche.

Il seminario presenta gli strumenti e le risorse di ricerca e offre ai traduttori la possibilità di imparare le tecniche migliori per ottimizzare la ricerca nel WEB e il proprio processo di lavoro.

Il simbolo esclusivo dell’ottimizzazione della ricerca in Internet è il software IntelliWebSearch, un’applicazione freeware frutto del genio di Michael Farrell, progettata per consentire a traduttori e terminologi di velocizzare e perfezionare le ricerche nel Web.

IntelliWebSearch – ora ulteriormente perfezionato e incrementato – è disponibile in inglese, italiano, francese, tedesco, olandese e russo, e nella nuova versione 3 permette di effettuare più ricerche contemporaneamente direttamente dall’ambiente di lavoro su risorse esterne quali motori di ricerca e/o dizionari online, ma anche su un certo numero di risorse locali.

PROGRAMMA DEL SEMINARIO: disponibile sul sito
http://www.corsi-traduttori.it/strumenti-ricerca

DOCENTE: Michael Farrell, traduttore freelance, autore delle pagine web “Italian > English Translator’s Tools” e del software IntelliWebSearch.
Inoltre vanta al suo attivo seminari e corsi sugli strumenti software e le tecniche di ricerca per traduttori e sull’uso pratico della traduzione assistita, tenuti in tutt’Italia a beneficio di un’utenza eterogenea.

**Alla fine del seminario verrà rilasciato un attestato di partecipazione.**

LA QUOTA, CHE COMPRENDE LA SOLA PARTECIPAZIONE AL SEMINARIO, E’:

EURO 90,00 + 20% IVA PER ISCRIZIONE ENTRO IL **5 GIUGNO 2009**

EURO 130,00 + 20% IVA PER ISCRIZIONE DAL 6 GIUGNO 2009

Chi vorrà partecipare al seminario dovrà inizialmente SOLO COMPILARE il modulo d’iscrizione:
http://www.corsi-traduttori.it/strumenti-ricerca/iscrizione-f.html

Coloro che avranno inviato il modulo, RICEVERANNO IN UN SECONDO TEMPO LA CONFERMA D’ISCRIZIONE con richiesta di versamento della quota di partecipazione e d’invio della relativa contabile di versamento ENTRO 3 GIORNI dalla data di richiesta.

Viene adottata tale procedura perché per l’attuazione del seminario è previsto un numero minimo di partecipanti. Qualora non venga raggiunto, l’evento non avrà luogo.

Per informazioni circa il programma del seminario:
Michael Farrell
http://www.corsi-traduttori.it/strumenti-ricerca

Altre informazioni:
Giacobaus s.a.s., Ornella Giacobone
ornellag@tin.it , tel. 02 66804294

Per ricevere notizie su futuri corsi e seminari organizzati da Giacobaus s.a.s., da Michael Farrell e dagli altri docenti del sito www.corsi-traduttori.it, iscrivetevi alla mailing list “notizie corsi”, inviando un messaggio vuoto a: mailto:notizie-subscribe@corsi-traduttori.it

PREMIO GAMBRINUS “GIUSEPPE MAZZOTTI” (Scadenza 06/06/2009)

BANDO DI CONCORSO
XXVII EDIZIONE 2009
PREMIO GAMBRINUS “GIUSEPPE MAZZOTTI”

Allo scopo di ricordare la figura e l’opera di Giuseppe Mazzotti – scrittore, alpinista, gastronomo, salvatore delle ville venete, per lunghi anni consigliere del Touring Club Italiano – l’Associazione “Premio Letterario Giuseppe Mazzotti”, bandisce la XXVII edizione del Premio GAMBRINUS “GIUSEPPE MAZZOTTI”, per libri di montagna, alpinismo, esplorazione, ecologia, artigianato di tradizione e sulla civiltà veneta.

Il Premio si articola in sei sezioni, distinte in due terne alternativamente biennali

I TERNA
a)Montagna:  cultura e civiltà;
b)Esplorazione – viaggi;
c)Premio “FINESTRA SULLE VENEZIE” per opere riguardanti aspetti della civiltà, della cultura territoriale ed ambientale del mondo veneto;

II TERNA

d)Alpinismo: imprese, vicende storiche, biografie e guide;
e)Ecologia e Paesaggio;
f)Artigianato di tradizione;

A partire da questa edizione, di anno in anno,  vengono alternativamente prese in considerazione le prime o le seconde tre sezioni.
Il Premio, patrocinato e sostenuto dal Touring Club Italiano, dal Comune di San Polo di Piave, dalla Regione del Veneto, dal Club Alpino Italiano, dalla CONFARTIGIANATO DEL VENETO, dalla VALCUCINE Spa, con il sostanziale contributo della FONDAZIONE VENETO BANCA, è riservato a opere scritte o tradotte in italiano, pubblicate dal 1° gennaio 2008 al 30 maggio 2009 e riguarderà in particolare le seguenti tre sezioni della I terna:
a)Montagna:  cultura e civiltà;
b)Esplorazione – viaggi;
c)Premio “FINESTRA SULLE VENEZIE” per opere riguardanti aspetti della civiltà, della cultura territoriale ed ambientale del mondo veneto;
La Giuria, a suo insindacabile giudizio, indicherà i vincitori delle tre succitate sezioni a ciascuno dei quali sarà assegnato un premio di tremila euro.
Essa ha altresì la facoltà di assegnare, di concerto con la Presidenza dell’Associazione, riconoscimenti speciali.

La Giuria è composta da:
Franca Anselmi Tiberto
Via Sismondi, 6 – 20133 Milano MI
Margherita Azzi Visentini
Via Ricasoli, 2 – 20121 Milano MI
Ferruccio de Bortoli
c/o Il Sole 24 Ore – Via Monte Rosa, 91
20149 Milano MI
Bruno Dolcetta
Dip. di Urbanistica IUAV – Convento delle Terse
Dorsoduro 2206 – 30123 Venezia VE
Oreste Forno
Via Biffi, 2/A – 22036 Erba CO
Pier Francesco Ghetti
Magnifico Rettore dell’Università Ca’ Foscari
Dorsoduro 3246 – 30123 Venezia VE
Silvia Metzeltin Buscaini
c/o Gemelli-Gasparini – Via Vittorio Veneto, 3
21020 Luvinate VA
Paolo Rumiz
c/o Il Piccolo – Via G. Reni, 1 – 34123 Trieste TS
Pier Paolo Viazzo
Dip. Scienze Antropologiche Università – Via Giolitti, 21/E
10123  Torino  TO

Le opere dovranno pervenire direttamente a tutti i membri della Giuria, presso i rispettivi indirizzi sopra riportati, entro e non oltre il 6 giugno 2009; contemporaneamente, tre copie di ciascuna opera dovranno pervenire, entro gli stessi termini, alla Segreteria del Premio.
Nel contesto della celebrazione conclusiva del Premio, grazie al voto di preferenza espresso da una apposita Consulta di 40 lettori fra le opere già premiate dalla Giuria nelle tre Sezioni (Montagna: cultura e civiltà; Esplorazione – viaggi; Premio “FINESTRA SULLE VENEZIE” per opere riguardanti aspetti della civiltà, della cultura territoriale ed ambientale del mondo veneto) verrà assegnato il Super Premio di cinquemila euro, denominato “VENETO BANCA – La Voce dei Lettori”.

A tal fine, le Case Editrici o gli autori delle opere vincitrici nelle tre Sezioni del Premio dovranno far pervenire 40 copie del volume di loro pertinenza alla Segreteria del Premio che provvederà al successivo inoltro a ciascuno dei membri della Consulta dei Lettori. La Segreteria del Premio provvederà  al pagamento dei volumi al prezzo agevolato che sarà concordato con le stesse Case Editrici o con gli autori.

La partecipazione al concorso comporta l’accettazione di tutte le norme del Regolamento allegato.

La consegna dei Premi avverrà al Parco Gambrinus di San Polo di Piave (Treviso)  Sabato 21  novembre 2009 alle ore 17.00.

REGOLAMENTO
XXVII EDIZIONE 2009
PREMIO GAMBRINUS “GIUSEPPE MAZZOTTI”

1)L’Associazione «Premio Letterario Giuseppe Mazzotti» promuove il PREMIO GAMBRINUS «GIUSEPPE MAZZOTTI» PER LIBRI DI MONTAGNA, ALPINISMO, ESPLORAZIONE, ECOLOGIA,  ARTIGIANATO DI TRADIZIONE E SULLA CIVILTA’ VENETA.
2)Il Premio si articola complessivamente in sei sezioni:
a)Montagna:  cultura e civiltà;
b)Esplorazione- viaggi;
c)  Premio “FINESTRA SULLE VENEZIE” per opere riguardanti aspetti della civiltà, della cultura territoriale ed ambientale del mondo veneto;

d) Alpinismo: imprese, vicende storiche, biografie e guide;
e)  Ecologia e Paesaggio;
f)  Artigianato di tradizione;
3)Il Premio è riservato a opere scritte o tradotte in italiano e, per questa XXVII edizione, riguarda esclusivamente le prime tre sezioni:
a) Montagna: cultura e civiltà;
b) Esplorazione – viaggi;
c) Premio “FINESTRA SULLE VENEZIE” per opere riguardanti aspetti della civiltà, della   cultura territoriale ed ambientale del mondo veneto.
4)Le opere dovranno essere edite per la prima volta in senso assoluto, e perciò non dovranno essere né rifacimenti né riedizioni, anche se con titolo diverso.
5)La Giuria esamina le opere inviate dagli autori e dagli editori, pubblicate nel periodo 1° gennaio 2008 – 30 maggio 2009 e comunque pervenute agli indirizzi di tutti i membri della Giuria, riportati nel Bando di Concorso,  entro e non oltre il 6 giugno 2009.
6)Tre copie di ciascuna opera dovranno pervenire entro gli stessi termini alla Segreteria del Premio, in via Papa Luciani, 18 – 31020 SAN POLO DI PIAVE TV.
7)Le opere sono inviate a titolo gratuito e non saranno restituite.
8)Non possono essere ripresentate opere che hanno concorso alla precedente edizione.
9)Il Consiglio Direttivo dell’Associazione nomina di anno in anno la Giuria del Premio e il Presidente del Premio stesso. L’accettazione della nomina da parte dei membri della Giuria comporta l’accettazione del presente regolamento.
10)I componenti della Giuria, eleggono ogni anno, a rotazione, il Presidente da eleggersi tra coloro che appartengono alla Giuria da almeno un anno.
11)I membri della Giuria hanno l’obbligo di partecipare a tutte le riunioni, nonché alla proclamazione dei vincitori.
12)La Giuria redige la relazione conclusiva dei lavori indicando i criteri e i motivi che hanno determinato le decisioni. La relazione è unica ed è resa pubblica durante la cerimonia di proclamazione.
13)I vari premi saranno consegnati ai vincitori durante la cerimonia della proclamazione. La Giuria, ha altresì la facoltà di assegnare, di concerto con la Presidenza dell’Associazione, riconoscimenti speciali.
14)La Giuria può segnalare autori e opere nonché editori particolarmente meritevoli.
15)La Giuria, a suo insindacabile giudizio, si riserva il diritto di non assegnare i premi, qualora le opere presentate non siano ritenute adeguatamente degne.
16)I premi sono indivisibili e consistono in somme di denaro, il cui ammontare viene reso pubblico di anno in anno nel relativo Bando di Concorso.
17)I premi vengono assegnati esclusivamente agli autori, tuttora viventi, delle opere che la Giuria ha scelto.
18)I premi debbono essere ritirati personalmente dai vincitori in occasione della cerimonia di proclamazione; altrimenti non verranno corrisposti.
19)L’Associazione “Premio Letterario Giuseppe Mazzotti” istituisce inoltre il Super Premio “VENETO BANCA – La Voce dei Lettori” di euro 5.000,00, che sarà assegnato, nel contesto della celebrazione conclusiva, all’opera che, tra le vincitrici nelle tre Sezioni della I terna (Montagna: cultura e civiltà; Esplorazione- viaggi; Premio “FINESTRA SULLE VENEZIE” per opere riguardanti aspetti della civiltà, della cultura territoriale ed ambientale del mondo veneto) avrà ottenuto il maggior numero di voti da parte della Consulta dei Lettori. In caso di parità di voti fra più opere, il Premio sarà attribuito ex aequo con la conseguente ripartizione.
20)La Consulta dei Lettori viene nominata, ogni anno dal Consiglio Direttivo dell’Associazione, entro il 30 aprile; si compone di 40 membri non più rieleggibili per almeno un quinquennio successivo. Spetta al Consiglio stabilire, di anno in anno, criteri e modalità di nomina della stessa e del suo Portavoce, scelto fra personalità di alto profilo nell’ambito della conoscenza e divulgazione libraria.
21)I componenti della Consulta dei Lettori hanno l’obbligo di partecipare alla votazione per l’elezione dell’opera vincitrice del Premio “VENETO BANCA –La Voce dei Lettori”, che avrà luogo nel corso della Cerimonia delle Premiazioni. Qualora, per causa di forza maggiore, fossero impossibilitati a presenziare, potranno far pervenire il loro voto in busta chiusa alla Segreteria del Premio almeno due giorni prima della Cerimonia. In caso di inadempienza non giustificata, il  “ mancato lettore “ è tenuto alla restituzione delle tre opere vincitrici ricevute tramite la Segreteria del Premio.
22)I membri della Consulta dei Lettori svolgono la loro funzione a titolo gratuito. Tutti coloro che parteciperanno di persona alla votazione saranno considerati ospiti del Premio e potranno quindi partecipare a titolo gratuito al Dinner Party in onore dei vincitori, che seguirà subito dopo la Cerimonia delle Premiazioni, presso il Parco Gambrinus di San Polo di Piave.
23)L’accettazione della nomina da parte dei membri della Consulta dei Lettori comporta anche l’accettazione del presente Regolamento, nonché del Bando di Concorso del Premio.
24)Agli autori e alle Case Editrici delle opere vincitrici nelle tre Sezioni del Premio, verrà assegnato una specifica medaglia.
25)Le Case Editrici o gli autori delle opere vincitrici nelle tre Sezioni del Premio, dovranno far pervenire 40 copie del volume di loro pertinenza  alla Segreteria del Premio che provvederà al successivo inoltro a ciascun membro della Consulta dei Lettori. La Segreteria del Premio provvederà al pagamento dei volumi al prezzo agevolato che sarà concordato con le stesse Case Editrici o con gli autori.
26)La Segreteria del Premio farà pervenire gratuitamente a tutti i membri della Consulta dei Lettori, copia delle opere vincitrici, accollandosi pure le spese di spedizione.
27)La Cerimonia delle premiazioni avrà luogo Sabato 21 novembre 2009 alle ore 17.00 presso il Parco Gambrinus di San Polo di Piave (Treviso).
28)L’esito del Concorso verrà reso noto tramite organi di stampa,  emittenti radiotelevisive e sul sito Internet del Premio  www.premiomazzotti.it .
29)Il presente Regolamento è stilato dal Consiglio Direttivo dell’Associazione «Premio Letterario Giuseppe Mazzotti» e potrà essere aggiornato di anno in anno.

Fiera Internazionale del Libro di Torino: appuntamenti sulla traduzione

FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO 2009
PROGRAMMA AUTOREINVISIBILE

Anche la Fiera 2009 avrà tra i suoi punti di forza gli appuntamenti sulla traduzione.
Da qualche tempo l’etica sembra collocarsi al centro delle riflessioni sulla traduzione. Come in ogni lavoro di mediazione, il traduttore è garante fra le parti, ma come rispettare l’autore del testo di partenza e al tempo stesso il lettore del testo di arrivo? E uscendo dal testo: quali responsabilità morali ha il traduttore verso l’editore, verso i propri colleghi e, non ultimo, verso se stesso? Ne discuteranno Rossella Bernascone, Elena Loewenthal, Monica Randi (Il Saggiatore) e Giuseppe Strazzeri (Mondadori) nella tavola rotonda L’etica del traduttore (Sala Professionali, venerdì 15 maggio, ore 15.00).

Scrive Beda il Venerabile: «Il ritmo può sussistere di per sé, senza metro; mentre il metro non può sussistere senza ritmo. Il metro è un canto costretto da una certa ragione; il ritmo un canto senza misure razionali». Al grande respiro del ritmo, che anima anche ogni prosa, è dedicato l’incontro Ritmo e traduzione con Franco Buffoni, Glauco Felici e Fabio Scotto (Sala Professionali, domenica 17 maggio, ore 12.30).

Come è cambiato e come cambierà il mestiere del traduttore in questa mondo editoriale sempre più globalizzato? Ce lo racconteranno Katherine Clifton dell’AITI, Magda Olivetti dell’Istituto Internazionale per la Traduzione Letteraria, Oliviero Ponte di Pino della Garzanti e Alessandro Trigona Occhipinti dell’SNS nella tavola rotonda Lo stato dell’arte, coordinata da Diego Marani della Commissione Cultura – Comunità Europea (Sala Professionali, venerdì 15 maggio, ore 12.00).

L’offerta didattica, nel campo della traduzione editoriale, si fa sempre più ricca, sia dentro che fuori dall’università, ma è difficile orientarsi. Quali discipline e quali pratiche sono utili e quali inutili per diventare un traduttore professionista? Che cosa si può e si deve chiedere a un corso di traduzione? Paola Mazzarelli del Master Tutto Europa di Torino, Riccardo Duranti dell’Università La Sapienza di Roma, Lara Fantoni della SETL e Giuliana Schiavi del Master in traduzione di Vicenza discuteranno di didattica della traduzione editoriale insieme ad Alessia Ugolotti della Longanesi (Sala Professionali, giovedì 14 maggio, ore 15.00).

Tornano, infine, i consueti incontri sul laboratorio del traduttore. Che cosa accade quando il linguaggio verbale si coniuga all’immagine nella traduzione di fumetti, graphic novel e libri per ragazzi? Ce lo spiegheranno Daniele Brolli, Fiammetta Giorgi (Mondadori Ragazzi), Gino Scatasta e Isabella Zani (Sala Professionali, sabato 16 maggio, ore 12.30).

Incontri a cura di Ilide Carmignani.

Per informazioni: www.fieralibro.it

News da…

…Intermezzi Editore

Read the rest of this entry »

News da…

Giornata di orientamento alla professione di traduttore letterario

Giornata di orientamento alla professione di traduttore letterario
Lunedì 18 maggio 2009
Orari: 10.30 – 12.30; 14.00 – 16.00
Biblioteca Europea
Via Savoia, 13/15, Roma

La Biblioteca Europea, in collaborazione con il progetto Casa delle
Traduzioni e Biblit, organizza per il 18 maggio una giornata di orientamento
alla professione di traduttore letterario.

L’incontro si rivolge a studenti e aspiranti traduttori e offre una
panoramica degli aspetti principali della professione del traduttore
letterario, con particolare riguardo ai rapporti con le case editrici e alle
norme di legge. L’incontro sarà tenuto da Marina Rullo, traduttrice
letteraria e fondatrice del network di traduttori editoriali Biblit.

Programma della giornata:

– Formazione di base: corsi e master, come orientarsi nella scelta
formativa

– Primo contatto con le case editrici:
Il curriculum
La proposta editoriale
La prova di traduzione

– I rapporti con l’editore:
Il contratto
La cartella editoriale
Le tariffe
Le norme redazionali
La revisione

– Il regime fiscale

– Le direttive europee e la situazione in Europa

La partecipazione è gratuita.
Gli interessati possono registrarsi, inviando i propri dati (nome, cognome,
indirizzo, recapito telefonico, e-mail e autorizzazione al trattamento dei
dati) all’indirizzo eventi@biblit.it entro il 10 maggio 2009.

Come si arriva alla Biblioteca Europea:

Autobus (Fermata: Piazza Fiume) 38 • 63 • 80 • 86 • 88

92 • 217 • 360 • 490 • 491 • 495

Recapiti telefonici:

Biblioteca Europea: 06/45460680

Progetto Casa delle Traduzioni: 06/45430235

CARMELO PECORA IL 7 MAGGIO SU RAIUNO A FESTA ITALIANA

CARMELO PECORA IL 7 MAGGIO SU RAIUNO A FESTA ITALIANA

Domani giovedì 7 maggio 2009 l’Ispettore di Polizia Carmelo Pecora, autore di
9 maggio ‘78. Il giorno che assassinarono Aldo Moro e Peppino Impastato (ZONA 2007) sarà ospite del programma televisivo FESTA ITALIANA, in onda su RaiUno a partire dalle ore 14.10 (e fino alle ore 16), condotto da Caterina Balivo per la regia di Salvatore Perfetto. Per la rubrica “Undici minuti”, Carmelo Pecora racconterà l’esperienza vissuta a Roma il 9 maggio di trentuno anni fa, quando – giovane poliziotto siciliano di appena diciannove anni – fu tra i primi accorsi in via Caetani, al ritrovamento del corpo di Moro. Lo stesso giorno in cui in Sicilia veniva assassinato dalla mafia Peppino Impastato.

Nell’occasione, verrà annunciata l’uscita imminente (in libreria dal 25 maggio) del nuovo romanzo di Carmelo Pecora, Polvere negli occhi, che sarà presentato in anteprima alla XXII Fiera Internazionale del Libro di Torino (domenica 17 maggio ore 14.30 – con la partecipazione di Andrea Cotti e Gianfranco Nerozzi). Il giovane poliziotto siciliano – trasferito al 7° Reparto Celere di Bologna – ancora una volta è testimone di un evento che ha segnato profondamente la storia recente del nostro paese: la strage alla stazione del 2 agosto ‘80.

ZONA ALLA XXII FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO
Lingotto Fiere, 14/18 maggio 2009 – Padiglione 1 – Stand D 14

« Older entries